Tag

Bari, Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto”,

16 novembre 2013 – 30 marzo 2014

 Mostra

IL LABIRINTO DELLA PITTURA
Michele Depalma opere 1950 – 2013

Presso la Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto” di Bari, è in corso la mostra “IL LABIRINTO DELLA PITTURA. Michele Depalma opere 1950 – 2013”, promossa dall’Assessorato per i Beni e le Attività Culturali della Provincia di Bari.
L’esposizione è stata inaugurata sabato 16 novembre  e rimarrà aperta sino a domenica 30 marzo 2014.

Michele Depalma è  nato a Rutigliano (Bari) nel 1928 ed ancora operoso in Monopoli (Bari)
Formatosi nei primi anni Cinquanta presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, il Depalma espone in importanti manifestazioni internazionali e nazionali, tra cui la Biennale di Venezia del 1956, la Quadriennale di Roma del 1959 e il Maggio di Bari, che costituisce la più valida manifestazione espositiva pugliese assurta ai fasti nazionali. Nel 1976 ottiene la cattedra di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, ma vi rinuncia per ritrasferirsi in Puglia, dove insegna a lungo presso l’Accademia di Belle Arti.
Attualmente dirige il Museo Diocesano di Monopoli (Bari) e continua a dipingere con immutata intensità.
La pittura di Depalma ha seguito un percorso lungo e complesso: negli anni Cinquanta egli rielabora la poetica cézanniana di solidi volumi colorati, con una sua personale formula figurativa che guarda contemporaneamente alle avanguardie storiche, a Mondrian e a Klee. È proprio quest’ultimo a suggerirgli, negli anni Sessanta, una pittura fatta non solo di colori, ma di sottili ritmi grafici, in cui la riconoscibilità oggettuale va via via perdendosi e che approda successivamente all’astrattismo, sorretto da una solidissima costruzione geometrica e formale e dall’uso di campiture di colore puro, accostato con grande libertà e originalità e “forma”.
La mostra, a cura di Clara Gelao, direttrice della Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto” di Bari, è costituita da una selezione di un centinaio di dipinti, provenienti da collezioni pubbliche e private italiane, che illustrano l’intero percorso dell’artista, e accompagnata da un catalogo interamente a colori (Bari, Mario Adda Editore), contenente vari saggi critici introduttivi, la riproduzione a tutta pagina dei dipinti esposti, le schede scientifiche, la bibliografia e gli apparati.
Durante la mostra saranno realizzate varie iniziative collaterali, visite guidate, concerti di musica contemporanea.

 

 Per informazioni sul Depalma e sulla mostra:
Dott. Clara Gelao , 080.5412421 (diretto);  pinacotecaprov.bari@tin.it

 

 Ufficio Stampa Pinacoteca:
Tel: 080/5412427 – Fax 080/5583401
pincorradogiaquinto@tiscali.it;
pinacotecaprov.bari@tin.it
Sito
web: www.pinacotecabari.it

 

 

 

.

 

Annunci