Tag

 Con questo su Renzo Paris i documenti online nel sito sono ora 138 per complessive 5394 pagine, 58 files audio e un video

 copertina.jpg retro.jpg

Renzo Paris, Scongiuro (1969) con 7 disegni di Giordano Falzoni

 L’autore di questo scarno libretto di poesie, undicesima uscita della collana “sperimentale” delle giovani Edizioni Geiger, ha in seguito modificato sensibilmente non solo il suo modo di scrivere ma anche gli obiettivi del suo percorso letterario. Dai primi Anni 70 Renzo Paris (di origine abruzzese, anzi “marsicana” poi trapiantato a Roma) si è dedicato essenzialmente alla narrativa con una scrittura asciutta, priva di fronzoli “ossessionato dalla realtà”, come egli stesso scrive, abbandonando gli stilemi surrealisti che Adriano Spatola rilevava nella sua prefazione a queste poesie.  Nella voce dedicata a se stesso per l’Autodizionario degli scrittori italiani curato da Felice Piemontese (Leonardo, Milano 1989), Paris non cita neppure Scongiuro, definito anonima “plaquette giovanile”, fornendo di sé un ritratto di scrittore impegnato a incidere nella realtà anche attraverso la poesia, ma non del genere che contraddistingue i versi di seguito riprodotti. Eppure il prefatore, i cui legami con il Surrealismo erano ben più radicati, ne era stato favorevolmente colpito, tanto da parlare di: «apologia della distruzione», riferendosi al linguaggio “aggressivo” usato dall’autore per far «saltare il cordone ombelicale che lega la cultura alla società borghese». Poco importa che Renzo Paris abbia scelto in seguito una strada diversa per la sua realizzazione come scrittore, senza tuttavia rinnegare le sue esperienze giovanili nell’ambito della Neoavanguardia, fra le quali spicca la sua lunga collaborazione all’originale rivista “Carte segrete” diretta da Gianni Toti: Scongiuro rimane, con i sette disegni “apotropaici di cui alcuni pornografabili” dell’indimenticato Giordano Falzoni a far da degno contrappunto, un valido esempio (sottolineato anche dall’inversione della copertina con quello che normalmente sarebbe il suo retro) di quella “radioattività letteraria” che il nostro personalissimo Geiger andava in quegli anni rilevando. La succitata voce sull’Autodizionario relativa a Renzo Paris, una sua sintetica biografia con foto e una nota su Falzoni completano il documento.  Maurizio Spatola

 

 

 

 

Annunci