Tag

untitled 3.jpg

“MAGMA. Writing in bodies. Italy and Lithuania from 1965 to nowadays” 

Dopo la presentazione a Roma, arriva a Vilnius l’esposizione internazionale “MAGMA. Writing in bodies. Italy and Lithuania from 1965 to nowadays“, che sarà inaugurata il 14 aprile prossimo presso la Galleria Nazionale d’Arte della Lituania. L’esposizione, organizzata grazie alla collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura a Vilnius e dell’Ambasciata d’Italia, presenta i lavori di alcune delle artiste italiane e lituane più rappresentative ed intende offrire la possibilità di esaminare in maniera critica le origini dell’arte femminista e del femminismo italiano e lituano. Una retrospettiva sulla condizione della donna nei due Paesi e sull’uso del corpo e delle parole come armi per conquiste politiche e artistiche. Il progetto di arte contemporanea “MAGMA. Corpo e Parola nell’arte femminile tra Italia e Lituania 1965-2015” è curato da Benedetta Carpi de Resmini e Laima Kreivyte. Il titolo del progetto prende spunto dal titolo del catalogo Magma, curato da Romana Loda nel 1977, e ben rappresenta la forza silenziosa, dinamica e corrosiva tipica dell’arte femminile degli ultimi decenni. Il progetto si sviluppa in due mostre, la prima delle quali sarà inaugurata il 14 aprile a Vilnius e la seconda successivamente in Italia presso l’Istituto centrale per la grafica. Due sedi, due istituzioni, due nazioni che pongono a confronto le loro artiste dando vita ad un parallelismo che le curatrici hanno sapientemente individuato nelle espressioni di queste artiste italiane e lituane. Le artiste italiane che esporranno nelle due sedi di Vilnius e di Roma sono Mirella Bentivoglio, Tomaso Binga, Irma Blank, Diane Bond, Amelia Etlinger, Chiara Fumai, Nicole Gravier, Elisabetta Gutt, Maria Lai, Ketty La Rocca, Lucia Marcucci, Verita Monselles, Elisa Montessori, Anna Oberto, Anna Paci, Cloti Ricciardi, Susanne Santoro, Patrizia Vicinelli e Simona Weller.
Con loro ci saranno a dialogare le artiste lituane: Jurga Barilaite, Egle Bogdaniene, Violeta Bubelytè, Egle Budvytyté, Coolturistes, Coro Collective, Laura Garbstiene, Karla Gruodis, Kristina Inciuraitè, Egle Kuckaite, Lina Lapelyte, Griede Liliene, Aurejia Maknyte, Paulina Pukyte, Eglè Rakauskaitè, Eglè Ridikaitè, Marija Terese Rozanskait, Laisvyde Salciuté ed Egle Vertelkaite.

La Collezione Carlo Palli sarà presente a Vilnius nella mostra
MAGMA. Writing in bodies. Italy and Lithuania from 1965 to nowadays
curata dalla dott.ssa Benedetta Carpi De Resmini con questi due capolavori

untitled.jpg

Ketty La Rocca
Appendice per una supplica, 1971
Tela emulsionata
cm 87,5×125
(Comodato Carlo Palli, Museo Novecento, Firenze)

untitled 2.jpg

Lucia Marcucci
“Che stupenda…”, 1972
Acrilici su tela emulsionata
cm 81×130

 

Annunci