Tag

Con questo  i documenti online nel sito sono ora 159 per 6319 pagine, 73 files audio e 13 video complessivi.

Now  documents in my site are 159 for a total of 6319 pages, 73 audio files and 13 videos

 

Giacomo Bergamini, Il martello di Faust (1983)

Prefazione di Adriano Spatola

copertina.jpg

Dopo la drammatica morte, su cui resta un alone di mistero, una cappa di silenzio è scesa sul geniale e “irregolare” poeta vicentino Giacomo Bergamini (1945-2004), autore discontinuo, talora volutamente oscuro, emotivamente coinvolto nella ricerca di nuove frontiere per la poesia e l’arte, fra riviste alternative, piccoli editori a volte umorali e frequentazioni alcoliche. Questo documento, impregnato sulla riproduzione integrale della sua raccolta di versi Il martello di Faust, pubblicata nel 1983 come supplemento al numero 33 di “Tam Tam” con la prefazione di Adriano Spatola, si propone di rompere, almeno in parte, quel silenzio, contribuendo ad approfondire la conoscenza di uno scrittore immeritatamente dimenticato: un prezioso contributo mi è stato fornito in questa direzione dall’amico genovese di antica data di Bergamini, il poeta e scrittore Elio Grasso, che ben conosco e che ringrazio, cui sono giunto attraverso la dedica di questo libro a lui destinata in esergo dall’autore.

Dalle poesie e dalle prose, ma anche da alcune lettere inviate all’amico genovese emerge, di Giacomo Bergamini, la personalità complessa, in cui si intrecciano pungente ironia, curiosità intellettuale e spessore culturale, sregolata voglia di vivere unita a un pessimismo autodistruttivo percorso da una crisi identitaria: secondo Grasso, il nero che era in lui, “l’inferno che lo attraversava”, trasmesso inconsciamente sulla carta con l’inchiostro rosso della sua macchina per scrivere portatile, una vecchia Antares. L’origine del “male oscuro” di Bergamini, si nasconde, forse, in un’infanzia e un’adolescenza difficili e nei tormentati rapporti con il padre e i familiari: così almeno sembra trasparire da alcune di queste lettere e soprattutto da due brevi prose, quasi pagine di diario, qui riprodotte, pubblicate postume sui numeri 80 e 82 (2010 e 2011), della rivista veronese “Anterem”, fondata da Flavio Ermini e dallo scomparso Silvano Martini, periodico letterario di cui Bergamini è stato a lungo collaboratore.

Fra il materiale inviatomi da Elio Grasso compaiono qui, oltre ad alcune lettere dell’amico Giacomo, una foto inedita, una sua recensione a Il martello di Faust, datata 1983 ma rimasta nel cassetto, nonché una copia della prefazione di Gio Ferri alla prima raccolta di versi di Bergamini, Hiatus (con relativa dedica in versi all’amico Elio), edita da “Anterem” nel 1980: un testo, quest’ultimo, di difficile lettura per i non addetti ai lavori ma egualmente utile a indagare la scrittura “disubbidiente” del poeta vicentino. Questo ricco documento è completato da un’altra recensione al libro qui riprodotto pubblicato sul numero 36/37 di “Tam Tam”, del 1984, a firma di Guido Savio e da cinque poesie di Bergamini apparse su altrettanti numeri della rivista torinese “Offerta speciale” fondata nel 1979 da Carla Bertola e Alberto Vitacchio e tuttora attiva: composizioni che s’innestano nel filone della ricerca sperimentale di nuovi linguaggi poetici assai vivaci in quegli anni e da Bergamini perseguita per tutta la vita. Non posso però esimermi dal ricordare che l’analisi più consona e anche più “malleabile” mi appare (ma non sono un giudice imparziale) quella leggibile nella prefazione alla raccolta qui proposta firmata, manco a dirlo, da Adriano Spatola, autore anche della prefazione a una seconda raccolta di versi di Bergamini, Il silenzio e il suo doppio, edita da “Tam Tam” nel 1986.

Buona consultazione.

Maurizio Spatola

http://www.archiviomauriziospatola.com/ams/aziende/ams/prod/pdf_tamtam/T00323.pdf?a=5b29358dde93f

Annunci