Torino. Mostra d’arte contemporanea: “Precipizio d’Istanza” al Circolo Virtuoso

Tag

Precipizio d’Istanza
Esposizione Contemporanea

  a cura di Ivan Fassio

 Inaugurazione venerdì 30 giugno dalle 19

Marius Ashblow, Riccardo Cecchetti, Cecilia Gattullo, Tiziana Inversi

Cantautore/trice Flo / Frau Spaguetty

Il Circolo Virtuoso

via San Secondo, 66

10128 Torino

fino al 12 luglio, dal martedì al sabato 16,30 – 22,00

su appuntamento (Ivan Fassio 33382270563)

La richiesta e la caduta, l’aiuto e la distanza, il calco e l’esistenza nella lontananza che appiattisce e approfondisce, diluisce ed amplifica.

Esercizi digitali apocalittici di Marius Ashblow: fantasmi e sogni fermo-immagine, colori scavi dalle siderali profondità d’ogni schermo.

Discese e scalate, coraggiosi inciampi e salite di Cecilia Gattullo: disegni ed acrilici, prove materiche, tecniche miste dal glorioso richiamo del viaggio.

Guerre interiori e inevitabili lotte di Tiziana Inversi: oniriche rappresentazioni su carta e tela del desiderio, dell’urgenza, della necessità.

Manifesti migratori di Riccardo Cecchetti: stampe, fotocopie, interventi surreali estemporanei tragi-cocò, pseudo-dadà.

Ivan Fassio

 

 

 

 

 

 

Milano. “La parola si apre all’altro da sé”: incontro alla Casa della Poesia

Tag

giovedì 29 giugno ’17, ore 19:30 – LABORATORIO FORMENTINI

Quando la parola si apre all’ altro da sé
a cura di Tomaso Kemeny

Interviene Amos Mattio che traccerà la mappa della poesia di Rosita Copioli.
La poetessa leggerà versi dal suo recente volume “Le acque della mente” (Mondadori).

le-acque-della-mente[1]_915

La Casa della Poesia, Laboratorio Formentini, via Formentini 10,Milano – Ingresso libero

La Casa della Poesia di Milano
web: http://www.lacasadellapoesia.com
e-mail: segreteria@lacasadellapoesia.com

Come raggiungere con i mezzi pubblici via Formentini 10 – Milano:
Metro: M2 Lanza, M3 Montenapoleone, M1 Cordusio
Tram: 2, 4, 12, 14
Autobus 57, 61

Tricase (LE). “Lumina, la luce dell’arte”: inaugurata collezione permanente

Tag

, , ,

Lumina manifesto.JPG

Lumina
La luce dell’arte

Collezione permanente d’arte contemporanea a cura di
Salvatore Luperto
Anna Panareo

Lumina è il titolo della mostra permanente di arte contemporanea, allestita nell’Hospice Casa di Betania di Tricase, realizzata da FIDAPA BPW Italy, sez. di Casarano, Presidente Dott. Maria Nuccio, su progetto di Roberto Lupo, Dirigente medico specialista in ginecologia, di Salvatore Luperto, Direttore Artistico del Museo Arte Contemporanea di Matino (MACMa) e di Anna Panareo, Curatrice d’arte. Una rassegna d’arte di validi artisti contemporanei, i quali nelle loro opere alludono alla luce dell’arte per infondere conforto e sollievo attraverso il valore universale della luce, simbolo di Sommo Bene e di salvezza. Lumina è una collezione d’arte formata da quindici opere, generosamente donate da artisti di notorietà nazionale, di cui sei vivono in Puglia (Giulio De Mitri, Nicola Liberatore, Enzo Miglietta, Tiziana Pertoso, Auro Salvaneschi e Rosemarie Sansonetti), nove (Vitaldo Conte, Michele De Luca, Marcello Diotallevi, Liliana Ebalginelli, Vittorio Fava, Fernanda Fedi, Gino Gini, Lucia Rotundo, e Alba Savoi) risiedono in altre regioni d’Italia: Lazio, Marche, Calabria, Lombardia.
L’opera di Vittorio Balsebre, salentino di adozione (che non è più tra noi) proviene invece da una collezione privata.
La collezione Lumina vuole offrire allo spettatore la possibilità di fruire dell’opera, coinvolgendolo nella poetica dell’artista. La contemplazione della bellezza dell’arte non produce un piacere fine a se stesso, ma induce alla meditazione della bellezza interiore che suscita fiducia e speranza nella vita dopo la vita.
Accompagna la mostra un esauriente catalogo, curato da Salvatore Luperto, in cui, ai saluti della dr. Maria Nuccio Presidente FIDAPA BPW Italy sez. di Casarano, della Presidente Nazionale FIDAPA BPW Italy, del Vescovo S.E. Rev.mo Monsignor Angiuli e della Direttrice Generale sr. Margherita Bramato, dell’Azienda Ospedaliera Cardinale Panico di Tricase, si aggiungono gli interventi di Salvatore Luperto, Massimo Guastella (docente Università del Salento) Roberto Lupo e dei critici e curatori d’arte Mariella Agostinacchio, Carmelo Cipriani, Marinilde Giannandrea e Anna Panareo.
La struttura ospedaliera, intesa come luogo in cui ammirare il bello, sfata il pregiudizio che la intende come luogo da evitare e diventa invece l’Hospice, la “casa” di cura, nobilitata dall’arte.
La mostra sarà presentata nell’aula magna del Polo didattico della Fondazione Cardinale Panico – Azienda Ospedaliera di Tricase, via Giovanni XXIII, alle ore 19 del 23 giugno 2017.

 

Parma. Abbazia di Valserena, spettacolo: in scena “L’estate di Dino Campana”

Tag

cineparaprima_634.jpg

Venerdì 23 giugno alle ore 19.00 andrà in scena L’Estate di Dino Campana, uno spettacolo in prima assoluta e pensato appositamente da Laura Piazza (voce recitante) e Eloisa Manera (violino) per la rassegna Suoni in Abbazia, organizzata in collaborazione con Associazione Culturale Rest-Art presso l’Archivio-Museo CSAC.

Il mare nel vento mesceva il suo sale che il vento mesceva e levava nell’odor lussurioso dei vichi, e la bianca notte mediterranea scherzava colle enormi forme delle femmine tra i tentativi bizzarri della fiamma di svellersi dal cavo dei lampioni.

 Qual ponte, muti chiedemmo, qual ponte abbiamo noi gettato sull’infinito, che tutto ci appare ombra di eternità? A quale sogno levammo la nostalgia della nostra bellezza? La luna sorgeva nella sua vecchia vestaglia dietro la chiesa bizantina.

“Ne la sera dei fuochi de la festa d’estate”, nello scenario dell’Abbazia di Valserena, risuoneranno i Canti Orfici (1914) di Dino Campana: ripercorrendo nella sua interezza il peregrinare tra paesaggi infernali e misterici, urbani e marini de La Notte, prima sezione dei Canti, la voce diLaura Piazza, insieme al violino di Eloisa Manera, accompagnerà il pubblico nell’incontro con il grande poeta toscano e con un’opera – la sua unica – che è la luminosa e terribile espressione della poesia nel suo farsi.

Suoni in Abbazia è una rassegna che porta allo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma una serie di concerti dedicati all’improvvisazione e alla musica contemporanea, che vede i musicisti confrontarsi con il contesto unico dell’Abbazia di Valserena e delle collezioni. Suoni in Abbazia proseguirà fino a dicembre con grandi progetti tra musica, letteratura e arte contemporanea, dall’improvvisazione tra le collezioni di Mario Mariotti e Elia Moretti al lavoro site-specific di Roberto Bonati, dalla rilettura della tradizione folk diSimone Mauri e Flaviano Braga al tributo a Robert Morris di Gabriele Mitelli.
Il costo del biglietto per tutti i concerti è di dieci euro. Per il personale docente e non docente Unipr il costo del biglietto è euro 5. Per tutti gli studenti Unipr l’ingresso è gratuito.

Nella cornice dell’Abbazia di Valserena, nella corte delle Sculture, si terrà inoltre dalle ore 21 anche la tradizionale cena di San Giovanni, organizzata da Locanda Abbazia con un classico menù composto da prodotti del territorio parmigiano e i tradizionali tortelli d’erbetta. Per prenotazioni ed informazioni www.locandabbaziaparma.it.

 

Milano. Serata alla Casa della Poesia: ‘Quando la giornata si chiude in bellezza’

Tag

giovedì 22 giugno ’17, ore 19:30 – LABORATORIO FORMENTINI

Quando la giornata si chiude in bellezza
a cura di Tomaso Kemeny

Interverranno Mia Lecomte, Annelisa Alleva, Emilia Barbato, Laura Accerboni

Intervalli musicali: Susanna Roncallo (chitarra).

La Casa della Poesia, Laboratorio Formentini, via Formentini 10,Milano –
Ingresso libero

La Casa della Poesia di Milano
web: www.lacasadellapoesia.com
e-mail: segreteria@lacasadellapoesia.com

Come raggiungere con i mezzi pubblici via Formentini 10 – Milano:
Metro: M2 Lanza, M3 Montenapoleone, M1 Cordusio
Tram: 2, 4, 12, 14
Autobus 57, 61

Milano. Fotografie di Marina Ballo: Galleria Sozzani, ‘Con la coda dell’occhio’

Tag

web_Marina-Ballo-con-la-coda-dell'occhiot.jpg

Mercoledì 21 giugno 2017, alle ore 19.00

Incontro con Marina Ballo Charmet
in occasione del suo libro

Con la coda dell’occhio
Scritti sulla fotografia
a cura di Stefano Chiodi
pubblicato da Quodlibet

Intervengono
Elio Grazioli, 
critico e docente di storia dell’arte contemporanea e di fotografia
e Francesco Zanot, curatore

comunicato stampa

Firenze. Poesia Visiva e impegno politico: “Lotta poetica” al Museo del Novecento

Tag

rev168089(1)

Mercoledì 21 giugno ore 17,30

Presentazione del catalogo della mostra Lotta poetica. Il messaggio politico nella poesia visiva 1965/1978″. Interventi di Barbara Cinelli, Gianni Garrera, Lamberto Pignotti, Stefania Stefanelli. Moderano: Benedetta Carpi De Resmini con Michele Brescia.
La serata sarà inaugurata da una performance Gesti di relazione realizzata dal giovane duo Grossi Maglioni (Francesca Grossi e Vera Maglioni) che aprirà un dialogo con il pubblico del museo. Le artiste hanno realizzato per la mostra e in occasione della presentazione del libro un dispositivo performativo per meditare e farci riflettere sul binomio Lotta / guerra e sull’importanza di alcune parole del nostro lessico e del linguaggio segnico.

IL LIBRO
http://www.iacobellieditore.it/catalogo/lottapoetica
Catalogo della mostra curata da Benedetta Carpi De Resmini in collaborazione con Michele Brescia presso la Galleria Fondazione Banca del Monte di Foggia.
Oltre quaranta le opere presenti, realizzate da artisti come Nanni Balestrini, Ketty La Rocca, Lucia Marcucci, Lamberto Pignotti, Sarenco, Mirella Bentivoglio, Luciano Ori, Michele Perfetti e tanti altri che animarono quel periodo storico. Collage, disegni, documenti, riviste, manifesti e libri d’artista raccontano l’immagine di un’arte militante, creando punti di vista inediti da cui osservare la compenetrazione tra immagine, segno verbale e segno grafico. In mostra opere provenienti dalla Fondazione Berardelli come l’opera icona Avanti popolo (1972) di Sarenco e una serie di lavori del Gruppo 70 e Gruppo ’63 dell’Archivio Carlo Palli, come I nemici, 1964 di Nanni Balestrini, o il celebre film Volerà nel 70, realizzato dal Gruppo 70.